Cessione del Credito in Blocco

Dopo aver introdotto la cessione del credito semplice, introduciamo la cessione del credito in blocco, disciplinata dall’articolo 58 del Testo Unico Bancario, modalità che si realizza con la conclusione di un contratto tra cedente e cessionario.

Questa tipologia di cessione è caratterizzata dal trasferimento di un insieme di più crediti, il cui successo è rappresentato dalla precisione con cui viene individuato il blocco stesso. I crediti contenuti devono presentare una serie tratti distintivi omogenei, come ad esempio:

  • tipologia di debitore;
  • area geografica;
  • forma tecnica;
  • settori economici di destinazione.

Il contratto viene quindi pubblicato nella gazzetta ufficiale. Questa forma di pubblicità permette a una pluralità di persone, tra cui anche i debitori ceduti, di venire a conoscenza della cessione.

I debitori quindi saranno liberati dal loro debito se effettueranno il pagamento al nuovo cessionario che diventa titolare del credito. La pubblicazione in gazzetta determina la presunzione assoluta di conoscenza da parte del debitore ceduto. Il cessionario deve comunque comunicare nei modi previsti per legge l’avvenuta cessione al debitore.

Un’altra peculiarità è data dal fatto che i privilegi e le garanzie che insistevano sul creditore originario, conservano la loro validità in favore del cessionario a prescindere e senza obbligo di altre formalità.

Iscriviti alla newsletter

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione della Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE ) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da IFIS NPL S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.