Debiti

Evitare il fallimento: la ristrutturazione del debito

Quando un debitore, proprietario di azienda o di società, è in crisi e non riesce ad onorare i propri debiti, può rivolgersi alla pratica di ristrutturazione del debito. Grazie a tale accordo, il debitore può accordarsi con i creditori (che rappresentano almeno il 60% dei crediti) affinché essi arrivino a rinunciare ad una consistente percentuale delle somme che cercano di recuperare se non addirittura di tutto l’importo dovuto.

L’accordo di ristrutturazione dei debito è infatti un mezzo di risanamento studiato per imprese in crisi che vogliono ridurre i debiti per tentare il risanamento aziendale.

Per tanto, il debitore che possieda un’attività in grave crisi finanziaria può proporre una serie di soluzioni:

  1. trasferire, al creditore, una o più attività;
  2. convertire il debito in capitale mediante il trasferimento al creditore di quote o azioni della società con conseguente aumento di capitale pari al valore contabile del debito senza rilevazione di utili o perdite da ristrutturazione;
  3. emettere un prestito obbligazionario convertibile che impegna poi il creditore a sottoscrivere quote o azioni della società per un valore pari a debito contabile.

Chi può accedere all’accordo di ristrutturazione del debito?

Qualunque ditta individuale, società o impresa agricola può accedere alla procedura, purché si trovi in uno stato di insolvenza o di impossibilità di pagare i propri creditori. Infatti, l’accordo di ristrutturazione è una alternativa al fallimento e non una sua componente.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un accordo di ristrutturazione?

I vantaggi dell’accordo di ristrutturazione del debito

Per l’impresa debitrice, diversi sono i vantaggi che si possono ottenere:

  1. sospendere i pignoramenti, le azioni cautelari o le ipoteche chiedendo al tribunale un termine per trovare l’accordo con i creditori;
  2. continuare a gestire l’impresa;
  3. ottenere ancora dei finanziamenti una volta che la crisi sarà superata;
  4. poter pagare i crediti anteriori e relativi a prestazioni di bei o di servizi. 

Gli svantaggi dell’accordo di ristrutturazione del debito 

Questo tipo di accordo è molto vantaggioso da parte del debitore, infatti, l’unico svantaggio risiede nel fatto che ogni creditore che non accetterà l’accordo dovrà essere pagato per intero.

 

 

Iscriviti alla newsletter

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione della Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE ) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da IFIS NPL S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.