Può essere proposto dal debitore al creditore e consente, se accettato, di pagare un importo minore: è prassi che il creditore non accetti offerte inferiori al 40 per cento della somma dovuta.