Se il debitore resta inattivo dopo la notifica di un atto di precetto, il creditore può procedere all’espropriazione e alla vendita dei beni mobili e immobili del debitore per rientrare in possesso della somma di denaro a lui dovuta.