Intervista

Intervista a Rosario Lepre – Monitoraggio Piani CrediFamiglia

Intervista Rosario Lepre1

Continuano le interviste ai colleghi dei Call Center CrediFamiglia: questa settimana ti facciamo conoscere Rosario, team Monitoraggio Piani CrediFamiglia di IFIS NPL.

Parlaci del tuo percorso professionale prima di arrivare in CrediFamiglia.

Il mio percorso nel mondo del lavoro è andato, se così si può dire, al contrario. Al contrario perché nel 2008 ho iniziato la mia esperienza nel mondo del lavoro in una società di credito, dove sono rimasto per tre anni. Successivamente ho intrapreso il percorso universitario che, cinque anni più tardi, mi ha portato al raggiungimento di un’importante obiettivo: la laurea in giurisprudenza. Esattamente un giorno dopo la proclamazione, il 25 novembre 2016, ho fatto il colloquio in Banca IFIS. Una settimana dopo, il 5 dicembre, mi sono seduto ad una scrivania del Call Center Monitoraggio Piani di IFIS NPL e da quel momento in poi è iniziata una nuova vita.

Di cosa ti occupi e come sono scandite le tue giornate lavorative?

All’interno del Call Center Monitoraggio Piani ci occupiamo del controllo dell’andamento dei piani di rientro: è un’attività variegata che parte dal lavoro svolto dai colleghi della Phone Collection, Consulenti del Credito e Società di Recupero. Inoltre ci occupiamo dell’attività di welcome, ovvero le chiamate effettuate per capire il grado di soddisfazione dei nostri clienti riguardo la gestione del debito da parte di IFIS NPL. Infine, con CrediQuintum, la cessione del quinto dello stipendio o pensione erogata da CapitalFin per i clienti CrediFamiglia, i clienti hanno una soluzione in più per risolvere la propria posizione debitoria. Molti stanno già sfruttando questa nuova opportunità e in tanti si dicono soddisfatti.

Quali sono state le prime difficoltà che hai incontrato e quali sono state le note positive che hai trovato in CrediFamiglia?

Le prime difficoltà che ho incontrato sono legate all’arrivo a Firenze. Sono originario di Napoli quindi ho dovuto trasferirmi in questa bellissima città ma, a onor del vero, per passare nel giro di una settimana dalle aule universitarie all’ambiente lavorativo ho dovuto far ricorso al mio spirito di adattamento. Fortunatamente il periodo di transizione è durato veramente poco, grazie anche all’ambiente in cui mi sono ritrovato: giovane, dinamico, proattivo sono solo alcuni degli aggettivi con cui posso descrivere il posto dove lavoro. Gli stimoli che riceviamo quotidianamente, elaborati grazie al confronto continuo con i colleghi, ha permesso la creazione di un ambiente di lavoro competitivo e in costante crescita. All’interno del Call Center Monitoraggio Piani siamo più di trenta, con un’età che oscilla tra i 26 e 31 anni: siamo ragazzi giovani che letteralmente condividono le proprie giornate dato che il legame che ci unisce non si limita all’orario lavorativo ma fortunatamente viene coltivato anche fuori. Al mio arrivo a Firenze mai mi sarei immaginato tutto questo.

Che tipologia di rapporto usi per interfacciarti con i clienti?

L’approccio parte dalla consapevolezza che il cliente sta vivendo un momento di difficoltà: ogni cliente ha una storia a sé quindi l’empatia è un valore fondamentale per cercare di trovare insieme a lui la soluzione ottimale. Insieme cerchiamo di valutare ogni singola opportunità in modo da consegnare una panoramica completa di tutte le strade percorribili. Ad oggi, grazie a CrediQuintum, il cliente ha un’opzione in più: con questa soluzione possono rientrare attivamente nel sistema finanziario.

E con i colleghi?

Con i colleghi c’è stima e fiducia, oltre che ad una sana competitività. Ognuno di noi è consapevole del fatto che potrebbe trovarsi in una situazione simile a quella del collega quindi non mancano i momenti di confronto e discussione. Se paragono la precedente esperienza lavorativa con questa ho trovato due ambienti completamente diversi: in Banca IFIS la collaborazione, la formazione e l’aggiornamento sono all’ordine del giorno.

Quali sono le domande più ricorrenti che i clienti ti fanno?

Le domande sono molte ma la più frequente è: “avrò modo di ripartire dal punto di vista finanziario?”. Molti clienti sono stati segnalati come cattivi pagatori e nessuno, finanziarie o banche che siano, gli fa credito. Con noi invece hanno la possibilità di ripartire perché instauriamo sin da subito un rapporto di fiducia, che ci permette di continuare questo percorso con flessibilità.

Ci racconti un caso che ti è rimasto particolarmente a cuore riguardante il tuo lavoro?

Un cliente di IFIS NPL aveva un debito ma non riusciva ad essere costante con il pagamento delle rate. Grazie a CrediQuitum ha potuto trovare una soluzione per saldare il proprio debito e rientrare attivamente nel sistema finanziario. In questo modo è riuscito ad esaudire un desiderio: aiutare il figlio che si stava costruendo la casa. A distanza di mesi mi capita di sentire il cliente, il quale mi racconta di quanta soddisfazione provi a vedere il figlio nella sua nuova casa. Questi episodi mi fanno apprezzare ancora di più il lavoro che faccio: per molti il recupero crediti significa solo litigare con i clienti ma per me non è così. Cercare la soluzione insieme e avere clienti soddisfatti mi gratifica molto, ancor di più quando capitano episodi come questi.

Conosciamoci meglio, nel tempo libero quali sono i tuoi hobby?

Mi sono sempre occupato di calcio: dai 17 anni in poi ho affiancato l’attività sportiva a quella di istruttore in una scuola calcio di Napoli. Purtroppo, o per fortuna, l’inizio dell’attività in Banca IFIS mi ha portato a distaccarmi da quel mondo. Ora che ho trovato la mia dimensione a Firenze, vorrei tornare a vivere il campo, stare i con i più piccoli per insegnare loro ciò che altri hanno trasmesso a me. Lavorare in un ambiente giovane, come avviene in Banca IFIS, è sempre di grande stimolo.

Iscriviti alla newsletter

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione della Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE ) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da IFIS NPL S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.