Famiglia

Revisione auto: novità, costi, scadenze e sanzioni

revisione auto

In che condizioni è la tua macchina? Sei in regola con tutti i controlli? Non farti prendere dal panico, in questo articolo vedremo insieme costo, scadenza, sanzioni e novità in tema di revisione auto. Ti aiuteremo ad orientarti al meglio sulle novità 2018, poi toccherà a te segnare in agenda procedure e scadenze!

Revisione auto: a cosa serve

La revisione ha lo scopo di verificare che il tuo veicolo possa circolare liberamente e in sicurezza e che i parametri regolamentati per legge (come consumi e rumorosità) siano rispettati. Questo esame non è da confondere né con il tagliando (richiesto dalla casa madre per verificare lo stato e l’usura dei componenti dell’auto) né con il bollino blu (che verifica le emissioni).

Revisione auto: procedure e costi

Puoi fare la revisione sia alla Motorizzazione che in un’officina autorizzata.

Alla Motorizzazione Civile il costo è di 45 euro. I passi da fare sono:

  • compilare il modello TT2100 (disponibile online e negli uffici);
  • effettuare il pagamento tramitebollettino sul c/c 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri;
  • essere in possesso della la carta di circolazione originale
  • prenotare la revisione.

In alternativa puoi rivolgerti ad una delle officine autorizzate della tua provincia, in questo caso il costo ammonta a circa 66,88 euro (45 euro di revisione + 9,90 euro di IVA 22% + 10,20 euro per le pratiche automobilistiche + 1,78 di spese postali).

Da 10 anni le tariffe sono bloccate, novità e aggiornamenti a cui le imprese che effettuano revisioni si sono dovuti adeguare potrebbero portare un aumento che si ipotizza essere di 10 euro, che porterebbe dunque il costo della revisione in officina a 76,88 euro.

Novità: certificato di revisione

Già da qualche anno le imprese che si occupano di revisione auto hanno dovuto aggiornare le proprie attrezzature nel rispetto del protocollo MCTCnet2. Nel 2017 una nuova direttiva europea poi aveva richiesto una sempre maggiore formazione degli operatori del settore. Ora, a partire dal 20 maggio 2018 le officine dovranno rilasciare un certificato di revisione e avranno tempo per adeguarsi a tale procedura fino a maggio 2021.

Il certificato di revisione dovrà poi essere trasmesso al Ministero dei Trasporti e il dato sul chilometraggio comparirà anche sul Portale dell’Automobilista.

Informazioni certificato di revisione

  • Targa del veicolo
  • Numero di telaio
  • Categoria del mezzo
  • Chilometraggio al momento del controllo
  • Data e luogo della revisione
  • Denominazione del centro che ha compiuto la revisione
  • Esito del controllo
  • Data del controllo successivo e data di scadenza del certificato emesso

Lo scopo di queste disposizioni è da una parte di cercare di avere controlli più attenti e approfonditi al fine di scongiurare incidenti stradali, dall’altra di combattere le frodi, soprattutto quelle legate alla manomissione del contachilometri nella vendita di veicoli usati.

Revisione auto: scadenza e sanzioni

In base al tuo veicolo devi rispettare scadenze diverse:

  • Auto, moto e veicoli con massa minore o uguale a 3,5 tonnellate

La scadenza è dopo 4 anni dall’immatricolazione e ogni 2 anni per i controlli successivi.

  • Per veicoli con più di 9 posti, autobus, ambulanze o con massa maggiore di 3,5 tonnellate

La revisione è a scadenza annuale.

  • Auto d’epoca o veicoli atipici

Devi effettuare la revisione ogni 2 anni.

  • Dopo un incidente e in seguito ad una segnalazione della Polizia potrebbe, inoltre, essere richiesta una revisione straordinaria

Il tempo di tolleranza per eseguire la revisione cessa l’ultimo giorno del mese della scadenza.

Nel caso in cui poi la tua auto non passasse la revisione possono verificarsi due possibilità: l’invito a ripetere la revisione dopo un mese, nel quale sei tenuto a provvedere alle riparazioni o la sospensione dalla circolazione. In quest’ultimo caso le condizioni del veicolo sono gravi e l’unico spostamento permesso sarà quello verso l’officina che si occuperà di aggiustare i guasti individuati.

Gli unici veicoli che possono circolare anche dopo la scadenza della revisione sono quelli con obbligo di revisione annuale, purché in caso di controllo attestino di aver prenotato la revisione entro la scadenza prevista per legge.

In tutti gli altri casi:

  • circolare con una revisione scaduta può costare dai 159 euro ai 639 euro di multa
  • se le revisioni mancate sono più di una la sanzione sale dai 1842 euro ai 7396 euro, fino ad arrivare al fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni
  • revisione falsa alla confisca sarà sommata una multa tra i 398 euro e i 1596.

Nel caso in cui ti sia accorto di avere la revisione scaduta meglio non perdere tempo corri in officina!

Iscriviti alla newsletter

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione della Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE ) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da IFIS NPL S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.